ENTRA NELLE REDAZIONIENTRA NELLE

REDAZIONI

Per inviare  ARTICOLI - COMUNICATI - COMMENTI - RICHIESTE : 1) Effettuare il  LOGIN  2) Dal top menu selezionare "Invia Articolo"

 Pagine visitate ad oggi: oltre 1.881.123          Articoli consultabili: oltre 20.276

   
   
   

LA 'SPREMUTA DI GIORNALI' DI GIORGIO DELL'ARTI - N. 3

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

"ANTEPRIMA" - STAMATTINA -  Giovedi 1 Febbraio

(www.enopress.it). Ritorna la pubblicazione quotidiana della'prima pagina' dei giornali odierni pubblicata oggi su 'Anteprima'. Per motivi di spazio lasciamo ai nostri lettori l'esplorazione delle altre numerosissime segnalazioni 'spremute' ed elaborate da Giorgio Dell'Arti. Gli interessati possono andare sul sito anteprima.news e seguire le istruzioni anche per abbonarsi. Unica eccezione il clamoroso ritaglio che segue.

0.rassegna stampa

Clamoroso
«A Torino 60 mila appartamenti fantasma. Oltre il 10% delle case sono vuote, sfitte, in vendita. Senza contare i moltissimi immobili accatastati come commerciali, servizi, uffici, a loro volta vuoti, sfitti, in vendita. Perché? Ascoltiamo alcune voci fuori dal coro: “Perché hanno permesso alla Fiat di andarsene”. “Perché è diventata una città povera”. “Perché sono case che, pur valendo la metà di quanto valevano prima, sono troppo care per chi ne avrebbe bisogno”. “Per colpa di Monti e delle sue idiote tasse sugli immobili”. “Per lo smagrimento della città”. Quelle volgari le ho cassate. In pratica, a Torino un’intera classe sociale (benestante) si è afflosciata, le loro eleganti case sono di colpo andate fuori mercato, nessuno può più permettersele. Su Torino la penso come il mio concittadino Guido Ceronetti “E’ un città degradata. Mi inocula tristezza”» [Riccardo Ruggeri sul suo blog].

Prima pagina
• In un articolo dedicato alla flat tax (vedi più avanti), Brunetta annuncia l'arrivo di una manovra per maggio, probabilmente varata da Gentiloni-Padoan ancora in carica e che potrebbe essere votata anche da Forza Italia: «Siamo i primi a pensare che la situazione dei conti pubblici italiani sia molto meno rosea di quanto si vuol far credere e non ci stupiremmo se, una volta al governo, dovessimo affrontare il tema di una manovra aggiuntiva, eredità avvelenata della schizofrenica e incompetente gestione Padoan». La manovra è inevitabile a causa di una lettera di richiamo inviataci dalla Ue in cui si minaccia una procedura d'infrazione. L'ammontare dovrebbe aggirarsi sui 4-5 miliardi [Giornale].

• La procura di Perugia ha messo sotto inchiesta la procura di Roma, sospetta per aver archiviato la faccenda dell'acquisto di azioni delle banche popolari da parte di Carlo De Benedetti dopo un colloquio del medesimo con Renzi [Massari, Fatto].

• I gas di scarico dei diesel Volkswagen fatti inalare alle scimmie risultarono assai più dannosi di quanto previsto. «Dopo quattro ore di esposizione, il sangue è stato prelevato dalle scimmie e uno speciale endoscopio è stato inserito nelle loro trachea e nei bronchi attraverso il naso o la bocca. Alcuni degli animali che avevano inalato i gas di scarico del Maggiolino avrebbero mostrato un grado più elevato di infiammazione rispetto ad altri.
Il colosso di Wolfsburg, che ha nel frattempo perso il primato mondiale di vendite nel 2017 a favore di Renault-Nissan-Mitsubishi, ha etichettato i test come “non etici e ripugnanti”» [Bonora, Giornale, citando il quotidiano tedesco Das Bild]. «La botta tirata a Bmw, Daimler e Volkswagen-Audi ha messo a bersaglio pesanti siluri su concorrenti sgraditi a Ford, Gm e Fca, sia sul mercato interno americano sia su quello asiatico e cinese» [Giannino, Mess].

• I troppi sbalzi di pressione costringono Berlusconi a 48 ore di riposo assoluto: niente partecipazione a Porta a porta. Il medico Zangrillo: «Stamattina ha fatto due ore di palestra e piscina». Lui: «Il nonno sta benissimo e farà vedere i sorci verdi a tutti».

• Un giudice-donna della corte d'appello di Milano ha respinto diciassette candidature del centro-destra per altrettanti collegi uninominali lombardi. Tra queste: quella della presidente del Movimento animalista, Michela Vittoria Brambilla, del salviniano Igor Iezzi, dell’avvocato matrimonialista di Silvio Berlusconi Cristina Rossello, del presidente dell’Ordine dei farmacisti, Andrea Mandelli. Manca il documento che prova l'apparentamento con la lista Noi con l'Italia, la cosiddetta “Quarta gamba”. Solo che questo documento non è stato presentato da nessuna parte e nessun altro giudice ha eccepito. Maurizio Lupi: «Rischiamo di non arrivare al 3%». Gli interessati ricorrono in cassazione, massimo quattro giorni per la sentenza.

• Tariq Ramadam, intellettuale musulmano, teologo sempre in televisione, sposato e padre di quattro figli, teorico di un Islam pio e conservatore, docente a Oxford e a Ginevra, è stato arrestato a Parigi. La detenzione durerà almeno 48 ore. Due donne lo accusano di violenza carnale, altre di molestie.

• Materie della seconda prova scritta della maturità rese note ieri dal ministero della Pubblica istruzione. Si comincia il 20 giugno con italiano. Poi il 21: greco al classico, matematica allo scientifico, scienze umane al liceo delle scienze umane, economia aziendale per l'indirizzo amministrazione, finanza e marketing negli istituti tecnici, scienza e cultura dell'alimentazione per l'indirizzo servizi enogastronomia e ospitalità alberghiera degli istituti professionali.

• Le cosiddette «ombrelline», una per pilota, che allietavano l'occhio dei maschi ai pit box delle corse automobilistiche, sono state abolite da Liberty Media, il nuovo padrone americano della Formula 1: «Se le ragazze in griglia sono state impiegate per decenni nei Gran Premi, crediamo che questa abitudine non sia più in risonanza con i nostri valori, in chiaro contrasto con le norme della società d’oggi. Pensiamo, insomma, che non sia una pratica appropriata o rilevante per la F1 e i suoi tifosi» (Sean Bratches, direttore operativo delle attività commerciali).

• Morte a Brescia di Azeglio Vicini, 84 anni, commissario tecnico della Nazionale che giocò i Mondiali in Italia nel 1990. Sconcerti: «Vicini era un romagnolo quieto molto più complesso di quello che è sempre apparso. Era gentile, ma non rassegnato, c’era in fondo l’antica rabbia del mediano. È stato forse il commissario tecnico meno fortunato d’Italia. Comandava l’Italia del 1990, quella dei Mondiali in casa, delle notti magiche, di Schillaci e Baggio ancora ragazzo. Giocò 7 partite, ne vinse 6 e ne pareggiò 1, uscì imbattuto ma non bastò. In semifinale trovò l’Argentina di Maradona e Caniggia che ci riprese e ci batté ai rigori. Gli dettero molte colpe, resistette ancora due stagioni, poi arrivò Sacchi» [CdS] (vedi anche la rubrica Funerali).

   

News

VINI LEONI22-02-2018
"SONO ROMAGNOLO"22-02-2018
   

SPAZIO UTENTI

LA VETRINA DEI VINI DI ROMA

Via Nemorense 57/57A  Tel. 0686206616-19   e-mail

Degustazione Franciacorta -  Video

Pacco regalo "Regalo d'autore" ..leggi tutto


  

Skywine a Latina: galleria fotografica

di Davide Ghaleb

   

In questo sito possono essere usati cookie per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi.