ENTRA NELLE REDAZIONIENTRA NELLE

REDAZIONI

Per inviare  ARTICOLI - COMUNICATI - COMMENTI - RICHIESTE : 1) Effettuare il  LOGIN  2) Dal top menu selezionare "Invia Articolo"

 Pagine visitate ad oggi: oltre 1.836.481          Articoli consultabili: oltre 19.758

   
   

Articoli

HENRIOT CUVE 38 UNO CHAMPAGNE DI ESTREMA CLASSE

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

(www.enopress.it). L’ultimo nato in casa Henriot, uno champagne blanc de blancs tirato solo in 1000 magnum all’anno e battezzato Cuve 38.

Henriot ha lanciato sul mercato, alla fine del 2014, un nuovo e esclusivo champagne frutto di un progetto più che decennale e tenuto segretissimo per anni.

Era il 1990 in occasione di una vendemmia memorabile, Joseph Henriot ebbe l’intuizione di mettere da parte un tino (cuve), il numero 38, di uno Chardonnay eccezionale e di lì a poco prese forma l’idea di utilizzarla come base per una riserva perpetua di un assemblaggio complesso e raro, 100 % chardonnay, 100 % grands crus. per plasmare con il tempo un grandissimo blanc de blancs.

0.henriot38

Così, in occasione di ciascuna vendemmia successiva, è stato sempre selezionato uno Chardonnay (solo dai migliori crus dei villaggi della Côte des Blancs: Mesnil-sur-Oger, Chouilly, Avize e Oger) d’eccezione, una vera e propria quintessenza di ogni annata, da integrare con i precedenti, secondo la metodologia del metodo Solera.

La cosa è andata avanti fino al 2009, quando, finalmente, questo assemblaggio sofisticato è stato tirato per la prima volta in sole 1.000 magnum e poi lasciato maturare sui lieviti per cinque anni. Fino alla tarda primavera del 2014, quando questo blanc de blancs multimillésime è stato finalmente degorgiato, dosato, battezzato Cuve 38, e presentato alla stampa.

Enopress ha avuto la possibilità di assaggiare questa entusiasmante Cuve 38 (la magnum N° 750) insieme a Laurent Fresnet le chef de cave de la maison Henriot in una presentazione alla stampa, la prima in Italia, organizzata da Claudio Arcioni, Presidente del Consorzio Vinattieri Romani e titolare dell’Enoteca Centro Vini Arcioni.

Storico palcoscenico della promozione è stato il ristorante Camponeschi, uno dei salotti più eleganti di Roma, affacciato su piazza Farnese, una delle più sofisticate e splendide piazze della capitale. Non è un caso se il presidente del Libano, l'infanta di Spagna e il re del Marocco nelle loro visite a Roma non hanno mai mancato di cenarvi. Il titolare, Alessandro Camponeschi, perfetto padrone di casa ha presenziato discretamente all’incontro facendo da cicerone nelle sale interne eleganti e raffinate tra i curatissimi arredi e le preziose cristallerie. A corredo degli champagne Henriot gli abbinamenti interpretati dallo chef Luciano La Torre:

0.Menu Henriot

Questa Cuve 38 contiene uno champagne non solo estremamente complesso, ma soprattutto di una finezza unica, incredibile. Si rivela giallo pallido e presenta delicati riflessi dorati, il suo perlage è regolare e di una finezza rara.
Il naso è intenso e ricco, freschissimo e allo stesso tempo spesso e variegato. Emergono una decisa mineralità, aromi di pesca bianca, gialla, di burro fresco e note di miele e anche una punta di vaniglia.

La bocca è spessa e materica, di grande equilibrio e opulenza. Torna la mineralità, si avverte un leggero lato cremoso, sostenuto da una punta di liquirizia. Ne deriva un sapore inimitabile e raro.

Mauro Maccario

   

News

CYBER SECURITY22-11-2017
"VINO E CREDITO"21-11-2017
IL FUTURO DEL VINO17-11-2017
L'APERITIVO13-11-2017
   

SPAZIO UTENTI

LA VETRINA DEI VINI DI ROMA

Via Nemorense 57/57A  Tel. 0686206616-19   e-mail

Degustazione Franciacorta -  Video

Pacco regalo "Regalo d'autore" ..leggi tutto


  

Skywine a Latina: galleria fotografica

di Davide Ghaleb

   

In questo sito possono essere usati cookie per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi.