ENTRA NELLE REDAZIONIENTRA NELLE

REDAZIONI

Per inviare  ARTICOLI - COMUNICATI - COMMENTI - RICHIESTE : 1) Effettuare il  LOGIN  2) Dal top menu selezionare "Invia Articolo"

 Pagine visitate ad oggi: oltre 1.836.481          Articoli consultabili: oltre 19.758

   
   

IL VINO ROSSO PER DIPINGERE

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Dettagli

Arte e vino di Arianna Greco.AMORE E PSICHE - Nero di Troia

(www.enopress.it). "Da qualche tempo - ci svela Arianna Greco -  ho iniziato ad usare il vino rosso per dipingere - La sontuosità del Nero di Troia, dalle sfumature tendenti al bordeau e restano tali anche quando la tela è asciutta - Differenti dal Primitivo il cui colore tende a cambiare maggiormente - Bellissimo l'effetto di questo Vino, dice l'Artista...lo preferisco al tipo precedente.
Cosa si prova ad osservare queste opere inconsuete? L'emozione suscitata in ciascuno è in funzione dell'amore che il fruitore nutre per il Vino e per l'arte ma anche della propria esperienza, della propria cultura e del temporaneo stato d'animo....il profumo che si avverte richiama la memoria emotiva di ogni singolo, i colori cangianti fomentano emozioni....che possono essere forti e poliedriche

Ecco come Arianna Greco racconta il suo avvicinamento INGENUA VOLUTTA' - Primitivo di Manduriasensoriale al vino nell'arte, e le emozioni che derivano dai vini plasmati a colpi di pennello
"Il mondo dell'arte mi ha affascinato da sempre, nonostante i miei studi non siano mai stati indirizzati in questo settore. Ho la fortuna di essere il Vicepresidente di una splendida realtà associativa che fa dell'arte (dalla pittura alla scultura, dalla poesia alla musica) un importante mezzo di comunicazione nel variegato mondo della diversabilità e che ha all'attivo un vero e proprio Festival dedicato al tema. Da qualche tempo però, questo mio mondo "artistico" si è incrociato con un altro grande mondo, un mondo affascinante, pieno di sensorialità e di grande gusto per altri tipi di "emozioni". Il mondo del Vino. Qui i sensi sono padroni: dalla vista all'olfatto, al gusto."
"...non è così arduo farsi sedurre da un richiamo immediato, come l'aerea luminosità di un bianco settentrionale, l'opulenza solare di un denso passito del Mediterraneo o il caldo aranciato di un rosso maturo. Il colore può imprimersi nella memoria con tale incisività da evocare la sensualità di quel vino anche quando lo si ritrova altrove, ad esempio in un tessuto, in un quadro, in un alimento etc. Così nasce, talvolta, un legame passionale tra il degustatore e un'immagine." ("L'invenzione della gioia" di Sandro Sangiorgi).

IO TRA LE TUE PASSIONI - Primitivo di ManduriaDunque come diceva Klee "L'ARTE NON RAPPRESENTA QUELLO CHE VEDIAMO, SE MAI RENDE LE COSE VISIBILI" , davanti ad un'opera pittorica la nostra EMOZIONE è funzione di noi stessi, di ciò che siamo stati, di ciò che abbiamo vissuto, di ciò che ci ha animati, di quanto siamo stati influenzati e di ciò che siamo in quel momento stesso.

E io ne sono stata sedotta....
Perché non godere di quei colori anche in un momento successivo alla loro prima osservazione nel bicchiere? Perché non permettere loro di essere plasmati mediante l'espressione pittorica? Perché non osservarli nella loro evoluzione alla stregua del ritratto di Dorian Grey? Nascono così i miei quadri "al vino" e possono considerarsi il frutto di diverse forti passioni: quella per l'arte, quella per il nettare di Bacco, quella per il mio uomo. Eh si, perché per poter creare, ogni artista (spero di potermi definire tale) ha bisogno di un impulso. L'arte è passione e come ogni fuoco deve essere nutrito. La mia fiamma è nutrita dalla passione per l'uomo che mi è accanto. Un uomo che, a sua volta, ama il vino.

La prima tela realizzata è al Primitivo di Manduria. L'AMORE TUO DIFFONDE IL SUO VIGORE IN TUTTO IL MIO ESSERE - Primitivo di ManduriaUna donna ritratta a tre quarti, nuda, capelli raccolti, osserva, quasi assente, il calice che ha tra le mani: "l'amore tuo diffonde il suo vigore in tutto il mio essere" (titolo tratto da una celebre citazione di Verlaine).
Ho tracciato i contorni della figura col carboncino, poi con un pennello intinto nel Primitivo, ho riempito la figura stessa.....all'inizio il colore era quello del vino versato nel bicchiere, la tela l'ha assorbito....col passare dei minuti quel colore s'è trasformato. E in questo sta il fascino dei quadri al vino, nella loro metamorfosi. Dipingere con acrilico o con olio non da la stessa emozione. Son diversi i profumi....ti inebriano. Ed è diversa l'evoluzione dell'opera. Mai prima d'ora un quadro aveva cambiato colore da sé! Il primitivo ha assunto via via un colore grigio viola quando utilizzato una sola volta su un certo punto della tela. Se aggiunto più volte aumenta l'intensità cromatica e una volta asciutto vira sul viola.
Ho provato a non riempire completamente la figura ma a lasciarvi all'interno dei tratti di tela vergine. E di giocare con i colori del vino andando ad intervenire sulla sua concentrazione.

SEI LA MIA CROCE E DELIZIA - Primitivo di ManduriaSempre in Primitivo di Manduria la mia seconda opera "INGENUA VOLUTTA'" (cm 40x50).
Anche in questo caso le porzioni color grigio-violetto corrispondono al Primitivo non ridotto e fatto passare una sola volta sulla tela. Son seguite altre prove con lo stesso tipo di vino, con vari gradi di riduzione dello stesso.

La terza tela è "IO TRA LE TUE PASSIONI", in cui una donna nuda esistente grazie al vino, gode della presenza del frutto della vite sulla propria pelle.

Segue "SEI LA MIA CROCE E DELIZIA" (cm 50x50) : un corpo femminile seduto e piegato su sé stesso. Il volto tra le mani, i capelli cadenti, le gambe in tensione. Accanto un calice e una bottiglia. L'amore è la croce e la delizia del soggetto ritratto, alla strega dell'odi et amo di catulliana memoria. "Ti odio e ti amo. Forse ti chiederai perché io faccia ciò. Non lo so. Ma sento che accade ed è un tormento". Amore e sofferenza vanno di pari passo. Ed il vino ne è il momentaneo consolatore.

Dopo il Primitivo di Manduria è stata la volta del Nero di Troia. SENZA FINE - NegroamaroHo scelto una tela grande (50x80) e un soggetto che mi appassiona: "amore e psiche". Lui, alato, su un ginocchio, la bacia...lei si lascia andare a questo momento. Nell'opera del Canova, Amore e Psiche son ritratti nell'attimo immediatamente precedente a quello in cui le labbra si toccano. La sontuosità del Nero di Troia, invece, si prestava alla rappresentazione dell'atto del baciarsi in itinere. i colori son tendenti al bordeau e restano tali anche quando la tela è asciutta. A differenza di quelli del Primitivo che tendono a cambiare maggiormente. Bellissimo l'effetto di questo Vino...lo preferisco al tipo precedente.
Cosa si prova ad osservare queste opere inconsuete? L'emozione suscitata in ciascuno è funzione dell'amore che il fruitore nutre per il Vino e per l'arte ma anche, come dicevo inizialmente, della propria esperienza, della propria cultura e del temporaneo stato d'animo....il profumo che si avverte richiama la memoria emotiva di ogni singolo, i colori cangianti fomentano emozioni....ciascuno, godendo di questa visione, godrà di emozioni forti e poliedriche. Dal canto mio queste opere mi fanno sussultare sempre più il cuore in petto. Perché so che quella per il Vino è la passione che anima l'uomo che, spero, mi starà accanto per sempre.

TI DESIDERO - Primitivo di Manduria e Nero di Troia

Arianna Greco
Via G. Garibaldi 173 73010 Porto Cesareo (Le) 331 3301602

   

News

CYBER SECURITY22-11-2017
"VINO E CREDITO"21-11-2017
IL FUTURO DEL VINO17-11-2017
L'APERITIVO13-11-2017
   

SPAZIO UTENTI

LA VETRINA DEI VINI DI ROMA

Via Nemorense 57/57A  Tel. 0686206616-19   e-mail

Degustazione Franciacorta -  Video

Pacco regalo "Regalo d'autore" ..leggi tutto


  

Skywine a Latina: galleria fotografica

di Davide Ghaleb

   

In questo sito possono essere usati cookie per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi.