ENTRA NELLE REDAZIONIENTRA NELLE

REDAZIONI

Per inviare  ARTICOLI - COMUNICATI - COMMENTI - RICHIESTE : 1) Effettuare il  LOGIN  2) Dal top menu selezionare "Invia Articolo"

 Pagine visitate ad oggi: oltre 1.929.354        Articoli consultabili: oltre 20.807

   
   
   

LA 'SPREMUTA DI GIORNALI' DI GIORGIO DELL'ARTI - N. 10

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

ANTEPRIMA" - STAMATTINA - Lunedì 19 febbraio 2018

(www.enopress.it). Apre questa settimana la rassegna quotidiana di Giorgio Dell'Arti - Enopress ne pubblica la Prima Pagina • Per abbonarsi ad Anteprima bisogna andare sul sito anteprima.news e seguire le istruzioni.

Clamoroso
«Di tutti i disastri che potrebbero capitare - una guerra nucleare, l’impatto di un asteroide, un megaterremoto - il più terrificante per il genere umano sarebbe un’epidemia come l’influenza spagnola». (Bill Gates intervistato da Times) [Panorama].

0.rassegna stampa 

Prima pagina
(tempo di lettura nove minuti)

• L'Islanda vuole vietare la circoncisione: viola «i diritti dei bambini maschi ed è incompatibile con le convenzioni e le delibere delle Nazioni Unite sulla priorità del diritto all’integrità fisica e psicologica dei bambini». Irritazione delle comunità ebraica e musulmana. «La legge sottolinea pure che è diritto dei genitori dare istruzione religiosa ai figli minorenni, ma non fino a imporre mutilazioni» [Tarquini, Rep].

• Il 4 marzo non si vota solo in Italia, ma anche in Svizzera: un referendum dovrà stabilire se si deve o no continuare a pagare il canone televisivo di 451 franchi che serve a tenere in piedi la tv pubblica (50% degli ascolti). La vittoria del no determinerebbe la chiusura della Ssr, a cui verrebbe meno il 75% delle entrate [Ruetschi, Rep].

• Alla conferenza di Monaco sulla sicurezza, il premier israeliano Netanyahu («furioso, diretto, pallido di determinazione») ha agitato un pezzo di ferro sotto il naso del ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif: «Lo riconosci? Dovresti. È roba tua». Si trattava di un rottame del drone fabbricato da Teheran che due venerdì fa è stato spedito dalla Siria sul cielo di Israele e che Israele ha abbattuto. Netanyahu ha aggiunto: «Ayatollah, non metteteci alla prova» [Biloslavo, Giornale].
La Ue si sta rassegnando a ridiscutere l'accordo sul nucleare con Teheran, siglato a suo tempo da Obama e da sei stati europei, che Trump il prossimo 12 maggio dovrà confermare o far decadere. «I 4 paesi europei a Monaco non si sono nascosti che l’Iran, per esempio fornendo missili ai ribelli dello Yemen, minaccia di destabilizzare la regione» [Nigro, Rep].

• I nostri servizi segreti prevedono un attacco «diffamatorio» in grande stile per il 3 marzo, vigilia delle elezioni, e si accingono a bloccarlo attraverso la task force anti-hacker istituita fin dal 2013. Finora i servizi italiani hanno neutralizzato un terzo di tutto quello circola e il 70% rimanente - dicono - non fa grandi danni. Il social più pericoloso sarebbe twitter. Sospesi gli account @CorryLoddo, @Outis200, sotto osservazione @DoctorWho744, @lucamedico, @FrancoSuSarellu [Longo, Sta].

• L'ex camorrista Nunzio Perrella si fa filmare da quelli di fanpage.it mentre parla di smaltimento dei rifiuti con Roberto De Luca, assessore al Bilancio di Salerno e figlio del governatore della Campania Vincenzo De Luca. Non ci sono discorsi di tangenti, ma De Luca preferisce dimettersi lo stesso, perché nella sequenza successiva un Colletta, presentato a Perrella come «socio in affari di Roberto De Luca», parla di una tangente, «tra il 10 e il 15%», e sembra far capire che una parte è destinata proprio a Roberto De Luca. Roberto De Luca non è in lista per il 4 marzo, ma suo fratello Piero sì (con il Pd).

• Brutta storia anche per il capitano Gregorio De Falco, candidato del M5s. Una settimana fa la moglie Raffaella, senza poi sporgere denuncia, ha raccontato alla polizia che il marito aveva alzato le mani su di lei e tirato per i capelli la loro figlia appena maggiorenne. Il capitano ha replicato che, dopo vent'anni, si stanno separando e c'è stato un alterco per questioni economiche, ma nessuna violenza. Di Maio, ieri ospite di Barbara D'Urso: «Chiedo alla signora di inoltrare la denuncia in modo che possiamo accertare i fatti e capire se c’è stata un’aggressione». Il capitano De Falco divenne famoso al tempo del naufragio della Concordia, quando si seppe che aveva intimato a Schettino: «Salga a bordo, cazzo».

• Le Iene denunciano altri casi di grillini che hanno fregato i capi del M5s sui rimborsi (stavolta taroccando bonifici con photoshop). Ultimi nomi: Emanuele Scagliusi, Francesco Cariello (già espulso), Federica Dieni, il consigliere regionale Gian Luca Sassi. Continuano anche a venir fuori massoni piazzati senza volere in liste grilline. Siamo a quota quattro.
Avvocato, rinuncia al seggio se glielo chiedono i 5 Stelle? «Assolutamente no. Mi devono uccidere per farmi rinunciare». Dicono che lei sia o sia stato massone. «Guardi, sono basito. Ho qui il passaggio preciso del codice etico per i requisiti. Vediamo, dov’è. Ecco. Qui ci sono le frasi in cui si dice che devi essere bello, buono, bravo. Ah ecco qui: il candidato non deve essere iscritto a movimenti massonici». E lei lo è? «No. Quindi sono in regola». Ma dicono che sia stato un gran maestro, in passato, del Grande Oriente d’Italia e che ora si sia messo in sonno. «E questi sono fatti miei. Nel codice etico c’è scritto al presente» [David Zanforlini ad Alessandro Trocino, CdS].

• Prodi ha detto che non voterà Pd, ma la lista Insieme (Verdi + Socialisti Italiani + Area Civica), e ha elogiato Gentiloni, con ciò criticando indirettamente Renzi. Renzi ieri da Lucia Annunziata: «Chi ha fatto il presidente del Consiglio, come Paolo Gentiloni, potrà giocarsi le sue carte anche per il futuro. Ma noi non litigheremo mai». Poi da Giletti: «Paolo sta facendo un ottimo lavoro ed è molto bello che si stia impegnando anche nella campagna del Pd».
«In queste ultime 48 ore è diventato palese un dualismo per la premiership, destinato a proporsi in modo plastico in un dopo-elezioni che imponesse al Pd le larghe intese: da una parte Matteo Renzi, dall’altra il “partito” di Gentiloni. Il pubblico endorsement di Romano Prodi a favore del presidente del Consiglio si aggiunge ad analoghe dichiarazioni di ministri come Carlo Calenda e Marco Minniti, per non parlare di Emma Bonino, che ha invitato Gentiloni (e non Renzi) alla Convention di Più Europa. E nei giorni prossimi anche Walter Veltroni si aggiungerà ad un rassemblement di simpatizzanti, un cartello la cui durata è però legata al risultato elettorale». Renzi sta trattando, «sotterraneamente», con Berlusconi e con Maroni [Martini, Sta].

• Azzurri male alle Olimpiadi sucoreane, ma la Moioli, 22 anni, ha vinto l'oro nello snowboard cross (Piccardi, CdS: «precede tutte le rivali dopo 228 metri a rotta di collo»).
Moioli: «Ho pensato che se in volo ero storta, l’importante era restare in piedi nell’atterraggio. E ci sono riuscita grazie agli allenamenti con Sofia Goggia e con il suo preparatore, Matteo Artina. Sofia è una macchina da guerra, io sono più pagliaccia, siamo amiche, ci compensiamo, tutte e due di Bergamo, lei mi ha mandato un messaggio prima della gara: “ti sento vibrare”. Nella nostra società tutta l’attenzione è per gli uomini, bè capita che io i maschi li batta in allenamento. Al traguardo ho pianto, mi sono sdraiata sulla neve e in quel momento mi è sembrato di aver scalato una montagna. Nulla viene per caso, mia mamma mi ha messo sullo snowboard da piccola insieme a mia sorella e certo non si immaginava che io arrivassi fino a qui. Ho voluto qui con me mia madre Fiorella e mia sorella Serena, papà è rimasto a casa con il mio cane Rocco. Mi hanno detto che il viaggio costava troppo, pago io ho risposto, perché anche se non avessi vinto, avevo bisogno di dividere questo attimo con loro. Non si vince mai da soli, ma perché unisci tanti punti che ti portano a un traguardo. Rinunce? Poche: ho mangiato qualche porcheria quand’era il caso, mi sono comprata un gelato quando non avrei dovuto, un peccato fa bene, quando sei giù di morale» [Audisio, Rep].

• Federer, a 36 anni e sei mesi, è di nuovo il numero 1 al mondo.

• Campionato: la Juve batte il Toro, vincono anche Napoli, Milan e Roma, l'Inter sconfitta dal Genoa.
«Non è solo ardore e corsa infusi da Gattuso, adesso il Milan è una squadra, ha un suo gioco. Quando potrà schierare il miglior André Silva (presto, direi), potrà pensare in grande» [Mura, Rep].

• Yonghong Li, padrone del Milan, è stato condannato in Cina a vendere parte del suo patrimonio per restituire i milioni che ha avuto in prestito da due banche di laggiù [Gerevini, CdS].

• Arrestato per corruzione il governatore (da 16 anni) della Banca centrale della Lettonia, Ilmars Rimsevics, 52 anni, membro anche del consiglio direttivo della Bce. Il primo ministro lettone Maris Kucinskis: «Non ci sono segnali di possibili rischi per il sistema finanziario della Lettonia». La Lettonia fa parte dei paesi in cui circola l'euro. La Bce non ha commentato. Nei giorni scorsi la Lettonia è finita nel mirino anche del Tesoro Usa, che ha vietato alle proprie banche di fare transazioni con ABLV, il terzo istituto di credito del Paese, accusato di aver «istituzionalizzato il riciclaggio di denaro».

Nella sezione Oggi Woodcock deve difendersi davanti al Csm. Battaglia all'Eurogruppo per la vicepresidenza della Bce. Parte l'aumento di capitale del Credito valtellinese (Creval). Nuova puntata di Montalbano.

   

SPAZIO UTENTI

LA VETRINA DEI VINI DI ROMA

Via Nemorense 57/57A  Tel. 0686206616-19   e-mail

Degustazione Franciacorta -  Video

Pacco regalo "Regalo d'autore" ..leggi tutto


  

Skywine a Latina: galleria fotografica

di Davide Ghaleb

   

In questo sito possono essere usati cookie per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi.