ENTRA NELLE REDAZIONIENTRA NELLE

REDAZIONI

Per inviare  ARTICOLI - COMUNICATI - COMMENTI - RICHIESTE : 1) Effettuare il  LOGIN  2) Dal top menu selezionare "Invia Articolo"

 Pagine visitate ad oggi: oltre 1.929.354        Articoli consultabili: oltre 20.807

   
   
   

L' ITALIA AL BIVIO DI CONFINDUSTRIA

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

"Con errori rischio di crisi sistemica"

(www.enopress.it). Da 'ideas can' di Pomilio Blumm Enopress rileva il servizio Strategie social e nuovi valori: le Assise 2018 di Confindustria tutto riassunto nello 'charme della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, protagonista del video ideato da Pomilio Blumm, immagine di un Paese dinamico, intraprendente, capace. La visione internazionale di Jose Manuel Barroso e Marc Lazar. Un parterre di 6mila imprenditori e il boom di conversazioni sui social. Con le Assise di Verona, Confindustria proietta nel futuro l’impresa italiana. 

0.Boccia

Il documento presentato alle Assise generali di Verona per dare una spinta al Paese. L'obiettivo: impiegare 250 miliardi in 5 anni per creare 1,8 milioni di posti di lavoro e far calare il debito/pil di 20 punti

Titola La Repubblica del 16 Febbraio 2018 Confindustria: "Italia al bivio, con errori rischio di crisi sistemica"

MILANO - A meno di tre settimane dalle elezioni Confindustria lancia il suo allarme in vista del voto. L'Italia "è ad un bivio"" e "tornare indietro è un rischio". È quanto si legge nel documento finale delle Assise generali degli industriali a Verona. "È indubbio - sottolineano gli imprenditori - che le elezioni che verranno tra poche settimane potrebbero restituire un quadro a dir poco confuso e con pochi, erronei passi, il nostro Paese diventerebbe presto l'anello debole mondiale, con conseguenze sistemiche data la dimensione del debito pubblico ed il peso dell'economia italiana nell'eurozona".

Anche Confindustria ha pronta la sua terapia shock per rilanciare il Paese. L'associazione degli industriali ha proposto un piano a medio termine che punta a reperire e impiegare "250 miliardi in 5 anni" con l'obiettivo di realizzare "oltre 1,8 milioni di occupati in più, una riduzione di più di 20 punti del rapporto debito/Pil, una crescita cumulata per Pil reale vicino a 12 punti percentuali, una crescita dell'export consistentemente superiore alla domanda mondiale". La premessa è: "Il piano dice cosa va fatto ma anche con quali risorse e quali effetti".

"Alla politica chiediamo di confrontarci su proposte concrete, che responsabilmente internalizzano il vincolo del debito pubblico, che dicano non solo cosa bisogna fare ma come, con quali risorse e con quali effetti" dice Confindustria nel documento di 28 pagine che dalle Assise Generali propone al dibattito in vista del voto del 4 marzo. "Equidistanti dai partiti ma non dalla politica, con autonomia e indipendenza", sottolinea il presidente Vincenzo Boccia. "Vogliamo che in questo Paese si recuperi buon senso e pragmatismo"

   

SPAZIO UTENTI

LA VETRINA DEI VINI DI ROMA

Via Nemorense 57/57A  Tel. 0686206616-19   e-mail

Degustazione Franciacorta -  Video

Pacco regalo "Regalo d'autore" ..leggi tutto


  

Skywine a Latina: galleria fotografica

di Davide Ghaleb

   

In questo sito possono essere usati cookie per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi.