ENTRA NELLE REDAZIONIENTRA NELLE

REDAZIONI

Per inviare  ARTICOLI - COMUNICATI - COMMENTI - RICHIESTE : 1) Effettuare il  LOGIN  2) Dal top menu selezionare "Invia Articolo"

 Pagine visitate ad oggi: oltre 1.924.341        Articoli consultabili: oltre 20.672

   
   

TENUTA CARRETTA GRANDI VINI DELLE LANGHE E DEL ROERO

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Dettagli

ENOPRESS WINE SPECIAL

                                                                

TENUTA CARRETTA GRANDI VINI DELLE LANGHE E DEL ROERO

Tenuta Carretta si trova nel Roero, a Piobesi d’Alba, un territorio collinare posto a nord della città di Alba, sulla sinistra orografica del fiume Tanaro. Qui c’è il centro aziendale, circondato da poco meno di 35 ettari di vigneto. A sud del fiume si estendono invece le colline delle Langhe, dove sono ubicati la restante parte dei vigneti, pari a ulteriori 35 ettari, per un totale di oltre 70 ettari complessivi.

 

0.tenuta carretta vigneto01

 

È un’azienda vitivinicola che vanta un’antichissima tradizione, una tra le più storiche aziende italiane. Inizialmente si pensava che il nome "Carretta" derivasse dalla radice celtica "car" ("pietra"), con riferimento ad un banco di gesso affiorante a pochi metri dal podere. Recenti approfondimenti effettuati negli archivi storici hanno dimostrato che il nome deriva da una nobildonna ("domina Careta") che era stata proprietaria dei terreni e delle vigne. Nel 1461 la proprietà passò alla potente famiglia astigiana dei Damiano che, il 28 novembre 1467, con atto notarile, la concesse a mezzadria. Nel 1811 l’azienda diviene proprietà del conte Alessandro Roero, per poi passare alla famiglia Veglia (di Torino) nel 1932.

 

Nel 1985 è stata acquistata dalla famiglia Miroglio (Ivana ed Edoardo, con i figli Marta e Franco) e completamente ristrutturata con l’aggiunta di un ristorante, di un’enoteca- wine shop e un hotel di charme con 10 suite dedicate a ogni vino della tenuta.

 

Tutti i vigneti di Tenuta Carretta fanno parte del distretto viticolo Langhe-Roero e Monferrato, un territorio straordinario riconosciuto nel 2014 dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità. Nei 35 ettari rappresentati da un unico appezzamento che si estende ad anfiteatro tutto intorno alla cantina, da Sud a Nord-Ovest, le uve coltivate sono per la gran parte Arneis (per i Roero Arneis Cayega e Canorei), poi Nebbiolo (per il Roero Bric Paradiso), Barbera (per il rinomato Barbera d’Alba Bric Quercia) e Favorita (il nome con cui nel Roero viene chiamato il Vermentino).

 

0.Tenuta Carretta azienda

 

Oltre ad essere area produttiva di grande valore, i vigneti vantano il primato di essere il primo sentiero in Piemonte di Vine-Trekking audioguidato; ciò grazie a IZI travel, un’app (scaricabile gratuitamente da chiunque ne sia interessato) che guida passo dopo passo gli enoturisti lungo il percorso realizzato tra i vigneti aziendali.

 

Ma i vigneti di proprietà si estendono anche alle vicine Langhe, come i 2,6 ettari a Nebbiolo, nella prestigiosa collina di Cannubi, da cui trae origine l’uva destinata alla produzione dei celebri Barolo Cannubi e Barolo Cannubi Riserva.

I vigneti di Cascina Bordino, a Nebbiolo per 6,5 ettari, come quelli di località Garassino (4,5 ettari), si trovano invece nel comune di Treiso e sono destinati alla produzione dei corrispondenti Barbaresco, mentre dalle uve nebbiolo provenienti dalla vigna Tavoleto, in comune di Alba (8 ettari), viene prodotto l’omonimo Nebbiolo d’Alba.

Infine il Dolcetto, che trova il suo habitat migliore nei vigneti della cascina Il Palazzo, in località Madonna Como (Alba), dove si produce l‘omonimo Dolcetto d’Alba.

 

Tenuta Carretta è una delle poche cantine piemontesi a poter vantare vigneti di nebbiolo di proprietà in ciascuna delle aree di origine delle DOC e DOCG di Langa e Roero ottenute da questo vitigno, e le etichette aziendali, assaggiate in sequenza, permettono di cogliere a fondo e in modo evidente le differenze che contraddistinguono ciascun vigneto e, di conseguenza, ciascuna denominazione.

 

tenuta carretta vigneti02

 

Nel vigneto, la filosofia produttiva di Tenuta Carretta si fonda sui temi della sostenibilità (ambientale, tecnica ed economica) attuata applicando le tecniche di viticoltura integrata, che prevedono l’utilizzo dei mezzi chimici solo quando davvero indispensabili a tutelare un armonico sviluppo della pianta.

Un vigneto gestito in modo adeguato, oltre a salvaguardare l’integrità del suolo, esalta la qualità delle uve e consente la produzione di vini di grande personalità, espressione fedele e riconoscibile del territorio di origine come quelli prodotti da Tenuta Carretta che spaziano dal Barolo al Barbaresco, al Roero, Arneis, Dolcetto, Nebbiolo e Moscato.

 

Enopress ne ha assaggiati 3, tre espressioni di Nebbiolo differenti, un Barolo, un Barbaresco e un Roero.

 

0.barolo docg cannubi 300x950

 

BAROLO CANNUBI DOCG 2011

Del Barolo, Cannubi è una delle menzioni geografiche più prestigiose: qui l’interazione tra suolo, esposizione al sole, ubicazione geografica e vitigno concorre a creare vini memorabili. E il Barolo Cannubi di Tenuta Carretta è un vino di grande carattere, elegante e longevo. Affina minimo 36 mesi, di cui almeno 24 in botti di rovere e 9 in bottiglia. Nel calice si presenta di colore rosso granato intenso e profondo.

Aromi floreali e profondità fruttate aprono l’olfattiva, che poi si sviluppa su una serie di sentori terziari che riportano alla memoria pepe bianco, vaniglia, tabacco dolce e vira su ricordi di menta e incenso. Al palato è un vino austero ed importante, complesso, dal gusto pieno; vellutato, gentile alle papille grazie alla presenza di tannini morbidi. Lunga la persistenza e balsamica la chiusura. Un bel Barolo insomma.

 

0.barbaresco riserva docg cascina bordino 300x950

 

BARBARESCO CASCINA BORDINO DOCG 2011

Il vigneto Bordino, a Treiso, ha una forte pendenza e produce uve da vendemmia tardiva e adatta a lunghe macerazioni, per dare origine a un Barbaresco elegante e complesso. Affinamento: minimo 24 mesi, di cui almeno 12 in piccole botti di rovere e 6 in bottiglia. Il Barbaresco "Cascina Bordino" ha un colore rosso granato luminoso con unghia aranciata. Al naso ha un bouquet ampio ed intenso che richiama sentori di frutta rossa, leggera affumicatura e note speziate dolci di cannella e chiodi di garofano. In bocca presenta una bella trama tannica, buona eleganza e note chinate e di rabarbaro con una lunga persistenza che chiude con percezioni di liquirizia dolce.

 

0.roero riserva docg bric paradiso 300x950

 

ROERO BRIC PARADISO RISERVA DOCG 2012

Sulla sommità del versante collinare che definisce la Tenuta troviamo il vigneto di Nebbiolo Bric Paradiso, citato sui documenti già dal 1878 da cui nasce questo Bric Paradiso Riserva che esprime tutti i caratteri e le tipicità del Roero: eleganza e piacevolezza su tutto. Affinamento: minimo 18 mesi in piccole botti di rovere francese e 12 mesi in bottiglia.

Dal colore rosso rubino con riflessi violacei. Sfumature floreali di rosa e di violetta aprono le danze olfattive che poi proseguono con sentori fruttati di mora, ciliegia e prugna mature, per chiudere su spezie dolci, cannella, vaniglia e tabacco.

In bocca è scorrevole e di buon corpo, elegante, raffinato grazie ai tannini delicati e ottima persistenza.

 

Tenuta Carretta – Località Carretta 2 – 12040 Piobesi d’Alba (CN), Tel. +39 0173.619119, Fax +39 0173.619931, Email:  -  http://www.tenutacarretta.it/ 

 

Mauro Maccario 
   

News

   

SPAZIO UTENTI

LA VETRINA DEI VINI DI ROMA

Via Nemorense 57/57A  Tel. 0686206616-19   e-mail

Degustazione Franciacorta -  Video

Pacco regalo "Regalo d'autore" ..leggi tutto


  

Skywine a Latina: galleria fotografica

di Davide Ghaleb

   

In questo sito possono essere usati cookie per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi.